ARCHIVIO | 4 ARTICOLI

On the State's duty to protect anyone fleeing Ukraine (and other conflict zones)


With the implementation of the Temporary Protection Directive, we are witnessing a dangerous differentiation of treatment among people fleeing the same war and experiencing the same traumas. The inclusion and exclusion from temporary protection seems to depend on the regularity and level of stability of the claimant’s position in Ukraine, something that can hardly be accepted under international refugee law, which requires protection to be provided without discrimination


Esternalizzazione delle procedure di asilo: la legge danese riaccende il dibattito in Europa


A giugno la Danimarca ha approvato una legge che prevede la possibilità di trasferire i richiedenti asilo in un Paese terzo ai fini dell’esame della domanda e dell’eventuale riconoscimento della protezione. Tali previsioni sollevano rilievi quanto alla legittimità di processi di esternalizzazione rispetto agli obblighi internazionali di protezione, nonché preoccupazione per la possibile influenza sugli altri sistemi di asilo europei.


Verso un'agenzia dell’Unione europea per l’asilo?


A fronte dello stallo dei negoziati relativi al Patto europeo sull’immigrazione e sull’asilo, il 29 giugno 2021 è giunto un primo segnale di avanzamento della riforma del Sistema Europeo Comune di Asilo: il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo politico provvisorio sulla proposta di regolamento volta a trasformare l’attuale Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO) in un’agenzia a pieno titolo. Un “primo passo” o un fatto isolato?

 


IMU agevolata per gli italiani all'estero: prosegue l'infrazione contro l'Italia


É approdata dinanzi alla Corte di giustizia la procedura d’infrazione avviata nei confronti dell’Italia per aver applicato ai cittadini italiani emigrati all’estero un trattamento di favore, in materia d’imposta di registro immobiliare, in presunta violazione dei principi “comunitari” di non discriminazione e libera circolazione di capitali tra Stati membri. Dalla ricostruzione della normativa nazionale, pochi paiono essere gli spiragli in favore di un esito positivo della procedura per l’Italia.


Execution time: 76 ms - Your address is 18.232.59.38 ngx